VERBALE 26.07.2005

 

 

 

 

 

 

Professori di ruolo

 

              Presenti                              Cantone U., Dato G., Dato Z., Pagnano,

                                                      Truppi, Castagneto, Costa, Fiore, Ghersi,           Magnano di San Lio, Messina, Taibi, De Medici, Fidone, Impollonia, Neri, Trigilia.

 

Assenti giustificati:             Nigrelli, Pagello, Terranova, Carocci, Latina,  Vitale.

 

Assenti:                              Alini, Barbera, Munarin.

 

 

Professori supplenti

 

Presenti:                             Signorello, Spitaleri.

 

Assenti giustificati:           Ignaccolo, Muscato, Nobile, Patania.

 

              Assenti:                            Cammarata, Campo, Caterina, Di Vita, Famoso,                   Marino, Pollicino, Savino.

 

Professori a contratto

 

Presenti:                            Barattucci, Leonardi, Lo Castro, Pellegrino.

 

Assenti giustificati:           Fiducia, Maglio, Marino E., Pistritto, Vinci.

 

Assenti:                            Abate, Branciforti, De Sanctis, La Rosa, Lombardo, Paparoni, Perretti, Raimondo,

                                        Strano, Tosi, Zancan.

 

Personale tecnico amministrativo

 

Presenti:                            Amodeo, Palermo.

 

Rappresentanti degli studenti

 

Presente:                           Forcellini.

 

Assente:                             Cannata

 

 

 

Presiede il Prof. G. Dato

Verbalizza il Segretario Prof. Magnano di San Lio

 

L’ordine del giorno è il seguente:

 

1) Approvazione verbale dell’ 8 aprile 2005;

2) Comunicazioni;

3) Pratiche studenti.

4) Richiesta riconoscimento crediti tirocinio parziale

5) Recupero frequenze nei laboratori didattici

6) Calendario lezioni a.a.  2005/2006

7) Mostre didattiche

 

Il Presidente rilevato che il consiglio è stato regolarmente convocato prende atto che sono presenti 26 componenti con diritto di voto e pertanto, dato che il Consiglio può validamente deliberare, dichiara aperta la seduta alle ore 11.00

 

1) Approvazione verbale dell’ 8 aprile 2005

 

Il Presidente dà lettura del verbale dell’8 aprile 2005.

Il Consiglio approva all’unanimità con l’astensione degli assenti in quella seduta.

 

2) Comunicazioni

 

ll Prof. Dato, in merito all’offerta didattica del Corso di laurea in Architettura, comunica che in Commissione didattica del suddetto Corso si è discusso quanto segue.

       “Nel Regolamento di Corso di laurea specialistica in Architettura è stabilito:

1 CFU= 30 ore ( di cui 50% di lezione e 50% di studio personale (Corsi monodisciplinari)

1 CFU= 20 ore di lezione e 10 ore di studio personale (laboratori)

Quindi a 15 ore di lezione frontale corrisponde 1 CFU (Corsi monodisciplinari) e a 20 ore 1 CFU (laboratori).

Noi abbiamo scelto di aumentare le ore con un incremento del 20% (comma 1 art. 5 D.M. 509) e quindi passando da 25 a 30 ore. Questo aumento è stato determinato con Decreto Ministeriale.

Per poter diminuire le ore, quindi, occorre modificare il Regolamento del Corso di Laurea Specialistica in Architettura. Questo regolamento da chi è stato approvato? Sembrerebbe dal Rettore (vedi art. 12 del R.D.A.)

La legge 12 D.M. 170 demanda ai RR.DD.AA. (non più ai Ministeri) la facoltà di determinare per ciascun corso di studio la frazione dell’impegno orario complessivo che deve essere riservata allo studio personale o ad altra attività formativa di tipi individuale.

In sintesi, il C.C.d.L. deve proporre la modifica del regolamento del Corso di laurea specialistica e far sì che venga precisata nel R.D.A..

Inoltre il Manifesto degli studi, proprio in armonia col Regolamento di corso di laurea specialistica offre insegnamenti di 15 ore frontali per 1 CFU e 20 ore frontali per la disciplina caratterizzante del Laboratorio.

 

Credo che questa offerta didattica debba essere rispettata ; la conseguenza della riduzione delle ore frontali si riversa anche sul compenso per le supplenze ed i contratti.

Bisogna, pertanto, rivedere tutto in funzione della proporzione tra numero di CFU e numero di esami a partire dall’a.a. 2006 – 2007”

 

Il Sig. Amodeo comunica che il CCdL del corso di laurea in Scienze dell’Architettura e dell’Ingegneria edile ritiene  che il CCdL ed il CdF hanno possibilità di deliberare indipendentemente dal regolamento didattico d’Ateneo.

 

Il Prof. Ghersi precisa che la Commissione Didattica ha ritenuto che la riduzione del rapporto ore/CFU non può essere applicata indiscriminatamente e quindi ha ritenuto di non effettuare tale riduzione nell’ambito della determinazione del manifesto degli studi.

 

Il Prof. Pagnano ritiene che bisogna compattare i corsi per diminuire il numero di esami;

 

Il Prof. Messina ritiene che, sulla base della normativa vigente (D.M. 509/99), il numero di ore previste per le lezioni frontali, ad eccezione dei laboratori,  non può eccedere quello per lo studio;

 

Il Prof. Dato ribadisce che per effettuare queste modifiche bisogna prima modificare il regolamento didattico d’Ateneo ed è necessario un lungo lavoro di istruzione.

 

  Il Prof. Dato ricorda che ancora non sono giunti gran parte dei curricula dei     docenti richiesta da tempo

 

  Il Presidente ricorda che per aver pagata la supplenza o il contratto và   consegnato il registro delle lezioni in segreteria.

 

3) Pratiche studenti.

 

   Gli studenti Giuseppe Leone, Michele Montes e Stancanelli Maria,   appartenenti al programma Socrates (Università di Porto – Portogallo) chiedono (allegato) se un esame sostenuto all’estero può essere riconosciuto con i crediti di un insegnamento opzionale.

 

Il Prof. Signorello ritiene che, in base ad altre esperienze, sia sufficiente produrre i programmi preventivamente ed il parere vincolante è del CCdL.

 

Il Prof. Spitaleri ritiene che il programma dell’insegnamento di cui si deve sostenere l’esame all’estero deve essere approvato preventivamente dal CCdL

 

Il Prof. Dato ricorda che i crediti delle discipline opzionali devono essere riconosciuti obbligatoriamente dal CCdL.

 

Il rappresentante degli studenti D. Forcellini fa presente che c’è un    problema    riguardo    alla    corrispondenza   dei   crediti   tra   Facoltà   di

Architettura di Porto e Facoltà di Architettura di Catania e chiede se un esame dato all’estero può essere convalidato parzialemente per due o più insegnamenti fino al raggiungimento della parità dei crediti tra i due Atenei..

 

Il Prof. Signorello auspica che la Facoltà individui alcune materie come inamovibili.

 

Il Consiglio delibera, all’unanimità,  di non poter accogliere la richiesta degli studenti sopra nominati poiché è il CCdL a dover deliberare sui singoli corsi prima dell’effettuazione del Socrates.

 

Lo studente Rapisarda Rosario, iscritto al IV anno del corso di laurea specialistica in Architettura, chiede che gli vengano riconosciuti, con i crediti a scelta dello studente (15 CFU)

I seguenti esami sostenuti presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli studi di Catania,e non convalidati al momento del trasferimento in Architettura perché non presenti nel piano di studi:

 

Chimica                  120 ore

Fisica II                   120 ore

Ergotecnica edile  120 ore

 

Il CCdL delibera di riconoscere i CFU degli insegnamenti a scelta dello studente fino ad un numero di 15

 

Lo studente Causarano Concetto, iscritto al II anno del corso di laurea specialistica in Architettura, chiede che gli vengano riconosciuti, con i crediti a scelta dello studente (15 CFU)

i seguenti esami sostenuti presso la Facoltà di Ingegneria  - corso di laurea in Ingegneria delle telecomunicazioni dell’Università degli studi di Catania.

 

Chimica 6 CFU con 6 CFU tra quelli a scelta dello studente.

 

Il CCdL delibera all’unanimità di riconoscere 6 CFU su 15 CFU per gli insegnamenti a scelta dello studente.

 

La studentessa Insolia Denise iscritta al II anno del corso di laurea specialistica in Architettura, chiede che le vengano riconosciuti, con i crediti a scelta dello studente (15 CFU)

i seguenti esami sostenuti presso la Facoltà di Ingegneria  - corso di laurea in Ingegneria Civile dell’Università degli studi di Catania.

 

Chimica 6 CFU con 6 CFU tra quelli a scelta dello studente.

 

Il CCdL delibera all’unanimità di riconoscere 6 CFU su 15 CFU per gli insegnamenti a scelta dello studente.

 

Lo studente Inserra Claudio iscritto al terzo anno del corso di laurea specialistica in Architettura chiede l’esonero dall’obbligo di frequenza dai Laboratori dal  5 aprile 2004  al 4 febbraio 2005 poiché nel suddetto periodo era impegnato nello svolgimento del Servizio Civile.

 

Il CCdL, vista la documentazione prodotta dallo studente delibera all’unanimità di accoglierne la richiesta.

 

4) Richiesta riconoscimento crediti tirocinio parziale

 

Gli studenti Leone Giuseppe, Tosto Cecilia e Alì Marco iscritti al quarto anno del corso di laurea specialistica in architettura chiedono il riconoscimento dei crediti acquisiti con le attività di tirocinio previsto per gli immatricolati al corso di laurea in Scienze dell’Architettura e dell’Ingegneria Edile – a.a. 2001/2002, (parzialmente svolto) qui di seguito elencate:

 

Master “I Lavori pubblici in Sicilia”         4 CFU

Lingua Francese                                      2 CFU

Attività informatiche                                 1 CFU

 

Il CCdL, vista la documentazione fornita dalla Segreteria di Presidenza delibera all’unanimità di riconoscere ai suddetti studenti n° 7 CFU valevoli per il tirocinio previsto al quarto e quinto anno di corso.

 

5) Recupero frequenze nei laboratori didattici

 

Il Presidente legge la richiesta di alcuni studenti che vorrebbero recuperare le presenze ai laboratori non avendo raggiunto il 70%, percentuale prevista come necessaria per poter sostenere esami.

 

Il Prof. Fiore fa presente quanto deliberato nella seduta del CCdL del corso di laurea in Scienze dell’Architettura e dell’Ingegneria Edile nella seduta del 25/07/05.

 

Il Preside propone che sia data tale  possibilità agli studenti, ma nell’anno successivo.

 

Il rappresentante degli studenti, Domenico Forcellini, chiede cosa si debba fare nel caso in cui nell’anno successivo l’insegnamento venga affidato ad un docente diverso e chiede che le presenze vengano surrogate con revisioni.

 

La Prof.ssa Dato fa presente che le presenze  non possono essere surrogate dalle revisioni e propone che vengano recuperate l’anno successivo con diritto a sostenere esami nella prima sessione utile dopo l’acquisizione delle presenze.

 

Il Prof. Ghersi dichiara che la regola deve essere rispettata e dunque la petizione non ha alcun senso.

Pone la mozione ai voti.

 

Il rappresentante degli studenti Domenico Forcellini propone che, nel caso di piccola percentuale di assenze venga consentito il recupero.

 

Il Prof. Neri appoggia la mozione del prof. Ghersi dichiarando che la percentuale del 70% è già bassa.

 

Alla fine della discussione il CCdL delibera di non modificare in alcun modo la regola di un numero di presenze minime pari al 70%.

 

6) Calendario lezioni a.a. 2005/2006

 

Il Presidente comunica il lavoro svolto dalla Commissione Didattica.

 

Per quanto attiene ai Laboratori sarà il Coordinatore a stabilire gli orari delle lezioni dei moduli; nell’orario sarà indicato solo l’orario del “Laboratorio”.

 

La Prof.ssa Dato chiede se si possa fare una sovrapposizione.

 

Il Prof. Dato ritiene che ciò non sia possibile .

 

Il Prof. Ghersi ritiene che le ore dei diversi  moduli debbano essere ben distinte.

 

Il Prof. Dato ribadisce che nel calendario devono risultare le 180 ore complessive del laboratorio e propone che il responsabile del laboratorio possa decidere come organizzare le ore al suo interno.

 

Il Prof. Fiore comunica la delibera del CCdL triennale e propone che si coordinino i responsabili dei calendari dei due corsi.

 

Il Consiglio approva all’unanimità la proposta del prof. Fiore  e delega in questo compito il Prof. Ghersi.

 

Il Prof. Dato dà quindi lettura della ripartizione tra primo e secondo semestre elaborata dalla Commissione per quanto riguarda le lezioni di tutti e cinque gli anni di corso.

 

Il CCdL approva il calendario.

 

7) Mostre didattiche

 

Il Presidente dà lettura di una comunicazione del Prof. Ghersi (Allegato)

 

Il Prof. Dato ritiene che l’attività delle mostre sia importante per la vita di Facoltà e che debba essere sostenuta.

Propone che sia nominata un’unità del personale, responsabile di questa attività e che venga nominato anche un responsabile scientifico.

Propone di delegare il sig. Amodeo ad individuare un’unità di personale idonea a questo scopo.

Propone, infine, di nominare anche un responsabile per i contatti internazionali.

 

Essendo stati esaminati tutti gli argomenti all’ordine del giorno il Presidente dichiara chiusa la seduta alle ore 12.40, dal che il presente verbale letto firmato e sottoscritto.