VERBALE 08.03.2005

 

 

 

 

 

 

Professori di ruolo

 

Presenti                                         U. Cantone, G. Dato, Costa, Ghersi, Fiore, Messina, Z.Dato, Pagnano,Truppi,  Pagello, Magnano di San Lio, Nigrelli, Taibi, Carocci, De Medici, Impollonia, Munarin, Latina, Castagneto, Neri

 

Assenti giustificati:                   Terranova, Vitale, Barbera

 

Assenti:                                          Alini, Fidone, Trigilia

 

Professori supplenti

 

Presenti:                                        Ignaccolo, Signorello

 

Assenti giustificati:                       Caterina, Patania, Pollicino, Famoso,

                                                   Muscato, Nobile, Savino, Spitaleri

 

Assenti:                                          Di Vita, Marino, Cammarata, Campo                                                          

                                        

Professori a contratto

 

Presenti:                                        Fiducia,  Perretti, Vinci, La Rosa,

                                                  Pellegrino, Pistritto, Zancan

                                                  

Assenti giustificati:                     Barattucci, Leonardi

 

Assenti:                                      Lo Castro, Lombardo, Raimondo,

                                                   Paparoni, Strano, Abate, Maglio, 

                                                   Marino, Tosi, De Santis, Branciforti,

 

Personale tecnico amministrativo

 

Presenti:                                        Amodeo, Palermo

                   

Rappresentanti degli studenti          

 

Presenti:                                        Cannata, Forcellini

 

 

 

 

 

 

 

Presiede il Prof. G. Dato, svolge le funzioni di Segretario il Prof. E. Magnano di San Lio.

Il Presidente, rilevato che il Consiglio è stato regolarmente convocato, prende atto che sono presenti 33 componenti con diritto di voto e pertanto, dato che il Consiglio può validamente deliberare, dichiara aperta la seduta alle ore10:30.

 

L’ordine del giorno è il seguente:

 

1.      Approvazione verbale del 31 gennaio 2005;

2.      Comunicazioni;

3.      Definizione settori scientifico-disciplinari nel manifesto degli studi

      a.a. 2005/2006;

4.      Attività di tirocinio e orientamento – ripartizione crediti.

 

1)     Approvazione verbale del 31 gennaio 2005

 

 Il Segretario da lettura del verbale della suddetta seduta che viene approvato all’unanimità con l’astensione degli assenti in quella seduta.

 

2)     Comunicazioni

 

·        Il Presidente sollecita i docenti della Facoltà, che non avessero ancora provveduto,  a produrre il proprio curriculum vitae e programma del corso.

 

·        Il Presidente riferisce al c.c.d.l. che occorre stabilire ufficialmente la data di laurea di fine marzo, secondo quando stabilito nella precedente adunanza del 31 gennaio 2005.

     Il c.c.d.l., su indicazione del Presidente, fissa la seduta di laurea al   31 marzo p.v.

 

·        Il Presidente da lettura di una richiesta di prolungamento della prossima sessione di laurea da marzo a maggio, prodotta da alcuni studenti del corso di laurea.

           Segue breve discussione al termine della quale il c.c.d.l. rigetta l’istanza di cui sopra.

 

·   Il Presidente propone al c.c.d.l. di estendere i benefici previsti per gli studenti lavoratori etc. anche a coloro i quali svolgono servizio militare, civile e agli obiettori di coscienza.

     Il c.c.d.l., all’unanimità, approva  la proposta del Presidente.

 

·     Il Presidente sottopone all’assemblea un’istanza del Prof. G.   Pagnano intesa ad ottenere che l’insegnamento di “Disegno dell’architettura”, di cui è titolare, venga considerato alla stregua di un “Laboratorio”, per cui, eccezionalmente rispetto a quanto deliberato dallo stesso c.c.d.l. nella seduta del 22 luglio 2004, la disciplina possa prevedere più di tre ore consecutive nel calendario delle lezioni.

Poiché la questione riguarda analogo insegnamento nel corso di laurea di I° livello in “Scienza dell’architettura e dell’ingegneria edile”, il c.c.d.l., dopo articolata discussione, stabilisce di rimandare la stessa all’esame delle “Commissioni didattiche” in seduta congiunta.

·        Il Prof. F.C. Nigrelli fa rilevare come non sia più possibile demandare al personale tecnico-amministrativo la formulazione del “calendario delle lezioni”. 

Aggiunge che vi sono gravi disservizi nella gestione delle aule che risultano insufficienti; auspica che la Facoltà assuma qualche iniziativa concreta poiché la situazione è diventata insostenibile.

Sull’argomento interviene il Preside dichiarando di aver prodotto all’amministrazione comunale, deputata all’assegnazione dei locali, un nuovo documento che contiene la richiesta di un numero complessivo di 16 aule, necessarie per lo svolgimento della didattica.

Il Preside conclude appoggiando la proposta del Prof. Nigrelli e proponendo che sia presentata un’istanza a firma di tutti  gli studenti per l’utilizzo immediato del 1° piano della “Caserma Abela”.

Il Sig. Amodeo dichiara di condividere la tesi del Prof. Nigrelli.

Aggiunge, a tale proposito, che non è serio demandare alla discrezionalità del personale addetto alla “Segreteria didattica” anche la collocazione degli insegnamenti in uno dei due semestri di attività didattica.

Terminati gli interventi il Presidente ritiene che l’argomento debba, necessariamente, essere demandato alle “Commissioni didattiche” di due corsi di studio in seduta congiunta.

 

·        Il Prof. Ignaccolo, nella ipotesi di una riduzione dell’impegno orario della propria disciplina (Pianificazione dei trasporti), si dichiara disponibile ad un “modulo” di 30 ore  all’interno di un”laboratorio”.

 

3)     Definizione settori scientifico-disciplinari nel manifesto degli studi a.a.  2005/06

 

Il Presidente riferisce che, ai sensi del decreto ministeriale del 27 gennaio 2005 e della nota prot. 13176 dell’1 marzo u.s. dell’Ufficio Modifiche allo Statuto dell’ateneo, il c.c.d.l. è chiamato a definire, in particolare, il numero programmato del corso e quali settori scientifico-disciplinari saranno presenti nel manifesto degli studi relativo all’a.a. 2005/06.

Segue articolata discussione al termine della quale il c.c.d.l., preso atto delle indicazioni formulate dalla Commissione didattica del corso di laurea e salvo ratifica del C.d.F., propone:

 

A)    un numero programmato di n° 100 studenti per l’a.a. 2005/06;

 

B)    di prevedere nel manifesto degli studi relativo all’a.a. 2005/06 tutti i settori scientifico-disciplinari presenti nel quadro delle attività formative,

ad esclusione di ING-IND/10.

 

La delibera è immediatamente esecutiva.

 

 

 

 

 

 

 

4)     Attività di tirocinio e orientamento - ripartizione crediti

 

Il Presidente introduce l’argomento ricordando al c.c.d.l. che lo stesso è chiamato ad indicare il modo in cui articolare le attività di tirocinio previste dal decreto  n. 509 del 3 novembre ’99, previste all’interno del “quadro generale delle attività formative” del corso di laurea, approvato dal Consiglio di Facoltà nella seduta del 26/07/2002.

Fa rilevare, a tale proposito, che dei 18 CFU previsti per le suddette attività, 4 CFU sono stati attribuiti alla “conoscenza della lingua inglese”.

Propone, pertanto, di distribuire i 14 CFU rimasti assegnandone 7 al quarto anno e 7 al quinto anno.

Il Sig. Amodeo è del parere che occorrerà un minimo di coordinamento con il corso di laurea di I° livello in “Scienza dell’architettura e dell’ingegneria edile”, al fine di evitare che per uno stesso seminario o convegno vengano attribuiti un numero di CFU diversi l’uno dall’altro.

Il Prof. M. Costa propone di lasciare libertà agli studenti di scegliere se acquisire i 14 CFU al quarto o al quinto anno di corso.

Il prof. Signorello propone di stabilire preventivamente i crediti formativi universitari da assegnare a ciascuna attività.

Il presidente conclude proponendo di demandare alla “Commissione didattica” il compito di stabilire i criteri di assegnazione dei crediti da assegnare ai seminari e ad altre similari attività.

Ultimati gli interventi il c.c.d.l. stabilisce  di suddividere i rimanenti 14 CFU nei due ultimi anni (quarto e quinto) dando mandato alla “Commissione didattica” di definire esattamente i criteri di suddivisione, al fine di dare al più presto la possibilità agli studenti di acquisire parte dei crediti formativi già al quarto anno di corso.

 

Non essendovi altro da deliberare, la seduta è tolta alle ore 12:30.