TEMI DI RICERCA


Architettura elementare

Di fronte alla velocità dei cambiamenti della città e della società contemporanea la ricerca definisce un nuova centralità dell'architettura considerando il tempo come materia fondamentale del progetto. Le architetture minime assumono un nuovo significato grazie al loro carattere di istantaneità, adattabilità e apertura ai cambiamenti imprevisti. L'architettura, occupandosi della temporaneità, acquista un nuovo ruolo nel dare forma ai fenomeni urbani e sociali emergenti.


Crisi/Emergenza/Abbandono

La condizione contemporanea ha visto una accelerazione della percezione del disastro naturale e artificiale. La ricerca esplora un nuovo ruolo della disciplina dell'architettura per gli interventi post-trauma e per quelli di prevenzione dei rischi, ripensando la sicurezza al di là del limite del controllo. La ricerca si interroga su come trasformare le macerie da scarto a nuova materia per il progetto, affinché nuove architetture conservino per il futuro le tracce degli eventi traumatici.


Archeologia e città

Le archeologie, come recinti chiusi e inaccessibili, costituiscono una rottura nella continuità urbana. La ricerca esplora le possibilità di moltiplicare le relazioni e gli usi immaginando architetture che attraverso l'innesto definiscono nuovi scenari di vita contemporanea. L'architettura lavora come tecnica di trascrizione e riscrittura per ricollocare i materiali dal passato al futuro rafforzando il loro carattere e la loro storia.


Riciclo/Riuso/Periferie

Il riuso costituisce un nuovo paradigma che mette al centro l'innovazione e il ripensamento dei cicli produttivi tradizionali per definire un nuovo scenario per l'abitare a partire dal patrimonio abbandonato e dismesso. Le periferie diventano un campo privilegiato di sperimentazione per individuare le modalità di trasformazione dall'interno e ridefinire la città contemporanea.