Stampa  
Curriculum vitae
Prof.ssa Zaira Dato

Ruoli istituzionali e attività didattica . Professore straordinario di Composizione Architettonica e Urbana – settore disciplinare ICAR 14 – dal 31/12/2003 presso la facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Catania , sede di Siracusa ; dallo 07/01/2005 Vicepreside della stessa facoltà ; coordinatore del Dottorato di ricerca in ”Progetto architettonico ed analisi urbana” a partire dal XVII ciclo ; tutor didattico della facoltà per l’attività di tirocinio e avanzamento .
E’ stata membro del Senato Accademico Integrato per un triennio e per altri quattro anni del Senato Accademico come rappresentante dei ricercatori . E’ stata membro del collegio dei docenti del Dottorato in “ Progetto e recupero urbano ed ambientale della Facoltà d’ingegneria di Catania , presso il Dipartimento di Architettura ed Urbanistica , per il XVI ciclo .
Già assistente supplente di Tecnica Urbanistica dal Marzo all’Agosto del 1974 ; titolare di assegno biennale di formazione scientifica e didattica dal 1° Novembre 1974 all’8 Febbraio 1985 , ssegnata ai corsi di Architettura Tecnica , di Progetti Edili e di Progettazione Architettonica fino al 1990/’91 . Da questo anno accademico fino al 1999/2000 ha sempre insegnato , oltre che in collaborazione , per supplenza nei corsi di Storia dell’Arte , Progetti per la ristrutturazione ed il risanamento edilizio , Composizione Architettonica , Caratteri tipologici e morfologici dell’architettura presso la Facoltà d’Ingegneria e presso la Facoltà di Architettura della stessa Università Analisi delle tipologie edilizie e della morfologia urbana . Dal febbraio 1985 ricercatore confermato presso la cattedra di Architettura e Composizione Architettonica della Facoltà d’Ingegneria dell’Università di Catania . Dal Luglio del 2000 è stata immessa nel ruolo di Professore associato in Composizione Architettonica ( settore H10 A ) presso il corso di laurea in Ingegneria Edile della stessa Università .
Dal Novembre dello stesso anno 2000 veniva trasferita per concorso nella Facoltà di Architettura dello stesso Ateneo, dove ha insegnato Composizione Architettonica nel Laboratorio di Progettazione Architettonica II A , mantenendo come supplenza l’insegnamento di Composizione Architettonica presso la Facoltà d’Ingegneria Edile. Ha quindi insegnato per titolarità Composizione architettonica nel Laboratorio di Progettazione Architettonica VI A e per supplenza Composizione e Progettazione Urbana nel Laboratorio di Sintesi Finale del corso di laurea in Architettura quinquennale negli anni 2001/2002 ,2002/2003 , 2003/2004 e 2004/2005.
Dal 2005/2006 ha insegnato Composizione e Progettazione Urbana , disciplina caratterizzante dei due Laboratori di Sintesi Finale del corso di laurea magistrale in Architettura , Architettura degli Interni e nell’anno accademico in corso ( 2007/2008 ) insegna Composizione Architettonica e Progettazione architettonica e Urbana , oltre che composizione e Progettazione Urbana nel Laboratorio di Sintesi Finale B.
Attività scientifica. L’attività di ricerca ha puntato l’interesse sulla città consolidata e sulle aree di nuova edificazione, studiando modalità insediative ed aggregative in vista del rapporto di reciproca causalità fra società che abita e forme dell’abitare e cultura dei segni . A questi due filoni risalgono in primo luogo gli studi sul teatro Massimo Bellini di Catania di Carlo Sada , i cataloghi ragionati dei più di 2000 disegni inediti dello stesso Sada relativi all’architettura della Catania borghese di fine secolo XIX - ad oggi già pubblicati per oltre la metà -e i saggi su Francesco Fichera , allievo di Ernesto Basile , nonché i saggi sull’espansione postbellica di Amsterdam , sull’architettura tardorazionalista di Diotallevi e Marescotti , prevalentemente sociale e sulle linee guida della produzione progettuale e critico-didattica di Alfred Roth .
Del 1993 è il progetto per il concorso “ Una via tre piazze” bandito dal Comune di Gela (Caltanissetta) , redatto in collaborazione e segnalato , pubblicato in “Roma per Gela “ nel 1994 a cura del Dipartimento di Architettura e Analisi della Città della Facoltà di Architettura di Roma La Sapienza . Del 1996 è il volume curato in collaborazione con Ugo Cantone :” Un laboratorio progettuale per la Sicilia orientale “ .
L’interesse verso la riorganizzazione dei territori costieri e delle fasce di retro-costa della Sicilia orientale definisce gli assi tematici della ricerca in atto :1 – archeologia e paesaggio urbano, 2- habitat periferico: il progetto architettonico delle enclaves nella città dispersa , 3- sostenibilità ed ecologia degli insediamenti urbani e periurbani . Ne sono frutto:
-“ L’identità del limite e il limite dell’identità “ , pubblicato a Siracusa nel Luglio del 2002 negli Atti del Seminario internazionale di progettazione “ Il progetto del limite : nuovi paesaggi urbani. Siracusa il lungomare Talete “ , della seconda sessione del quale Zaira Dato era stata coordinatrice ; -la partecipazione al modulo C.O.F.I.N. coordinato in sede locale da Ugo Cantone ,e il volume dal titolo “ La città del Mediterraneo : trasformazione , conservazione, innovazione “ ; il volume “ Frank O. Gehry per il Waterfront di Lower Manhattan , Il progetto di modifica in una città sull’acqua” , pubblicato a Roma il 20/08/2002 ;
- del 20/08/’02 è il volume di saggi dal titolo “ La costa e il retrocosta nella Sicilia orientale. Un laboratorio progettuale nella Sicilia orientale “;
- nell’Ottobre 2007 è stato pubblicato il saggio di Zaira Dato Toscano dal titolo “L’habiter périurbain dans la ville contemporaine. Librino, la << ville satellite>> de Catane, suspendue entre la ville qui ne l’est pas ancore et la campagne qui ne l’est plus” in , a cura di Michel Lussault, Thierry Paquot , Chris Younès , « Habiter , le propre de l’humain. Villes , territoires et philosophie « , Collection Armillaire , Paris Ottobre 2007 , ISBN : 978-2-7071-5320-3
-Italiana Disegno) a Lerici, dal titolo “De Amicizia”, con la relazione sui “Rapporti fra composizione architettonica e rappresentazione”.
-partecipa al concorso “Città di Pietra: Le Latomie di Siracusa”, capo gruppo Ugo Cantone.Il progetto è stato selezionato dalla commissione per la pubblicazione sul catalogo (a cura di) C. Guerrieri, La Biennale di Venezia 10a Mostra internazionale di architettura. Città di pietra – Cities of Stone , Catalogo della sezione “Sensi contemporanei, Città di Pietra”, Marsilio, Venezia, 2006.

-Il 10/04/’03 nella sede della facoltà di architettura ha avuto luogo la presentazione del libro di Bernard Tschumi “L’architettura della disgiunzione “ con la partecipazione del traduttore Michele Costanzo, docente di Composizione Architettonica dell’Università di Roma “La Sapienza”. E’ seguita la lettura guidata del libro dello stesso Tschumi, “the Manhattan transcripts”.La Dato ha contribuito al Seminario di studi con un intervento programmato , oltre che conducendolo;
- nei giorni 9 e 10 del giugno 2003, a Siracusa il Convegno su “Insediamenti industriali costieri e sviluppo eco-compatibile”.L’iniziativa mirava a porre sotto l’attenzione la gravità della situazione nella quale versa la fascia di territorio costiero che va da Gela ad Augusta, di cui Siracusa è la parte centrale. Sono in corso di stampa gli atti grazie al sostegno della Regione Siciliana.
- il 18 dicembre 2003, si è tenuto un’incontro con il Prof. Rinio Bruttomesso su “ waterfronts urbani: il progetto come strumento di re-interpretazione e innovazione dei nuovi ambiti portuali e costieri”, premessa di un convegno internazionale di studi in corso di organizzazione;
- nel dicembre 2003 si è tenuta nella sede della facoltà di Architettura di Catania, sede di Siracusa, la tavola rotonda dal titolo:” tre teatri “.Venivano illustrati dagli autori, Ugo Cantone, Marco Petreschi, Laura Thermes per lo studio Purini/Thermes, tre progetti di edifici teatrali. Relazioni di Luigi Prestinenza Puglisi,Renato Nicolini, Cesare Casati, Zaira Dato Toscano;
- il 30 gennaio 2004, l’incontro con il Prof.Pasquale Belfiore, ordinario di Composizione Architettonica presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Napoli II, avente come tema “dimenticare Vitruvio? Nuova critica per la nuova architettura”;
- il 6 febbraio 2004 , si è tenuto il seminario di studi sul tema “trasformazione del paesaggio agrario: dalla produzione alla residenza stagionale”, nel corso del quale la Dato Toscano oltre che l’introduzione ai lavori, ha svolto la relazione dal tema “i fabbricati rurali:dalla produzione alla residenza stagionale”.Gli atti del seminario sono in corso di pubblicazione.
- dal 16 al 18 giugno 2005,l seminario organizzato dall’Università degli Studi di Catania Facoltà di Lettere e Filosofia, Corso di laurea in Scienze dei Beni Culturali sede di Siracusa dal titolo: “Gli archivi d’impresa in Sicilia risorsa per la conoscenza e lo sviluppo del territorio” .Zaira Dato è intervenuta con la relazione dal titolo: “Ambiente e impresa, estetica e sviluppo: conflitti, convergenze, sinergia”; inoltre si è occupata dell’organizzazione del workshop “Il progetto dell’ambiente come strumento di valorizzazione delle aree di costa della Sicilia sud-orientale”e della mostra degli esiti ;
-ha partecipato a Siracusa il 9 giugno 2005 al seminario organizzato nell’ambito del Dottorato di Ricerca in Recupero Edilizio ed Ambientale delle Facoltà di Architettura di Napoli, Genova e Palermo e di quello in Progetto Architettonico ed Analisi Urbana della Facoltà di Architettura di Siracusa, dal titolo “La cava: da spazio della produzione a ‘luogo di delizie’ ” , con una relazione sul “ Progetto architettonico e urbano dell’area delle Latomie dei Cappuccini a Siracusa“ e ha contribuito alla manifestazione con l’esposizione delle esercitazioni didattiche del Laboratorio di Progettazione architettonica IV A “ aventi come oggetto lo stesso tema . L’intensità Temporale della città contemporanea, è il saggio che sviluppa l’argomento della relazione ed è pubblicato nel volume edito a cura di Vittorio Fiore, Il recupero delle Latomie dei Cappuccini in Siracusa: da spazio della produzione a luogo di delizie ,codice isbn 88-6007-2 Edizioni della Meridiana s.r.l. Firenze.
-Incontro con Pasquale Belfiore : “Dimenticare Vitruvio: nuova critica per la nuova architettura”. Siracusa 30 gennaio 2004.
-Seminario interdisciplinare di studi tenutosi a Siracusa il 6 febbraio del 2004, dal titolo “ Il paesaggio agrario” , relazione di Zaira Dato Toscano : “Trasformazione del paesaggio agrario: dalla produzione alla residenza stagionale”.
-Incontro con Marco Petreschi su “A propos of Myself”. Siracusa 25 maggio 2004.
-Incontro con Umberto Cao, su “Adriaticittà Contemporanea” ,Siracusa 11 giugno 2004.
-Incontro con Cristiano Toraldo di Francia su “ Il Superstudio“ ,il radicalismo utopico italiano degli anni Sessanta . Siracusa 11 giugno 2004.
-Incontro con Pasquale Belfiore su “Quieta non Movere”. Siracusa 16 giugno 2004.
- Seminario con Mario Manieri Elia e Margarita Segarra Lagunes su “Architettura, Storia, Progetto”. Siracusa 15 dicembre 2004.
-Incontro con Antonio Monestiroli. Zaira Dato Toscano presenta il libro La Metopa e il Triglifo. Siracusa 1 marzo 2005.
-Incontro con Silvana Elena Segapeli su “Il progetto nella città a spessore”. Siracusa 10 marzo 2005.
-Incontro con Antonino Marino illustra il proprio saggio su “Cinque temi per un museo: un architettura di Carlo Scarpa per Messina”. Siracusa 22 aprile 2005.
-Incontro con Claudio Roseti su “Decostruzionismo/Decostruttivismo. 20 anni dopo: bilancio critico”. Siracusa 16 maggio 2005.
-Incontro con Antonino Saggio su “Cambiamenti nella città e nell’architettura contemporanea in relazione all’avvento dell’informatica”. Siracusa 17 maggio 2005
-Incontro con Cesare Ajroldi su “Monumento e Progetto”. Siracusa 18 maggio 2005.
-Incontro con Giuseppe Rebecchini su “Architettura riflessa”. Siracusa 24 maggio 2005.
- Incontro con Alessandro Anselmi su “Piano, superficie, progetto”. Siracusa 18 giugno 2005.
-Incontro con Aldo De Poli su “Creare è facile. Imitare è difficile”,, Siracusa , Febbraio 2006
-Incontro con Bruno Toscano su “Il rapporto arti figurative e Architettura” Siracusa 27 marzo 2006.
-Seminario: “La Bioarchitettura per l’architettura del Mediteraneo. Radizione e innovazione tecnologica”, organizzato dall’Istituto Nazionale di Bioarchitettura, I.N.B.AR. Sicilia, e tenutosi a Siracusa il 20 aprile 2006.
-Incontro con Carlo Manzo su “Studio analitico-valutativo per lo sviluppo, la riqualificazione e il recupero dell’unità Atella” Siracusa 20 aprile 2006.
-Incontro con Laura Marino su “Tradizione e modernità nell’architettura di Aris Konstantinidis”,Siracusa , 27 Aprile 2006 .
-Incontro con Carlo Manzo su “Gli spazi urbani dell’archeologia”. Siracusa 17 maggio 2005
-Incontro con Silvana Segapeli su “La città per frammenti: un nuovo paesaggio urbano per paris seine rive gauche”. Siracusa 25 maggio 2006
-Incontro con Roberto Collovà su “ La costruzione della città” , Siracusa 26 maggio 2006.
-Incontro con Adriano Cornoldi su “Antico e nuovo nella città contemporanea”, Siracusa 30 maggio 2006.
Tutorato tesi di dottorato di ricerca. Ha condotto al titolo di Dottore di Ricerca in Progetto Architettonico ed Analisi Urbana, in qualità di Tutor, tre studenti del dottorato della Facoltà di Architettura di Siracusa da lei coordinato:
-XVII ciclo la Dottoranda Nicoletta Nicolosi con una tesi dal titolo: Un waterfront per Catania: habitat e identità urbana nelel aree di costa e di retrocosta. Due casi studio: Catania Tarragona.
-XVII ciclo la Dottoranda Chiara Cantone con una tesi dal titolo: La città contemporanea: luogo dell’alterità. Per una teoria multiculturalista: il caso Catania.
-XIX ciclo la Dottoranda Maria Teresa Bruca - subentrando al professor Mario Costa deceduto - con una tesi dal titolo: Megastrutture e Microtrasformazioni. Il progetto della modalità nell’esperienza del recupero del Corviale.
Ha organizzato e coordinato il convegno del marzo 2007 su: “Lo statuto disciplinare del progetto di architettura oggi”, nel quadro delle celebrazioni del decennale della istituzione della Facoltà di Architettura dell’Università di Catania, sede di Siracusa. Relatori: Giancarlo Carnevale Preside dello IUAV di Venezia, Lucio Barbera, Preside della Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni di Roma La Sapienza, Francesco Cellini, Preside della Facoltà di Architettura di Roma Tre e Ugo Cantone, Preside della Facoltà di architettura di Siracusa, Zaira Dato, Coordinatore del Dottorato di ricerca in Progetto architettonico ed analisi urbana . Contemporaneamente ha ospitato la mostra intoSARAJEVO e Access for All Premio Schindler 2004. I progetti delle due mostre sono stati elaborati da studenti della Facoltà di Architettura di Venezia (Università IUAV) in occasione del workshop internazionale intoSARAJEVO e del concorso internazionale di progettazione per studenti Access for All Premio Schindler 2004.
Viene invitata al convegno dal titolo “Colloque << Habiter >>” tenutosi a Parigi dalll’11 al 12 maggio 2006, organizzato da l’ Institut d’urbanisme de Paris-Universitè Paris 12 Val de Marme.In questa occasione, in collaborazione con l’arch. Silvana Segapeli, presenta una relazione dal titolo: “ Habiter les territoires péri urbains: Librino, la << città satellite >> di Catania, sospesa fra non ancora città e non più campagna”.
-Per gli aa.aa. ‘06/’07 e ‘07/’08 è referente dell’Università degli Studi di Catania all’interno di un accordo di bilaterale con Budapesti Mûszaki és Gazdaságtudományi Egyetem, inquadrato nell’ambito del programma Socrates, Higher education (Erasmus). La ricerca, così come concordato con la Professoressa Kornelia Kissfazekas – Department of Urban Studies - si muove all’interno dei temi riguardanti Architecture, Urban and Regional Planning. La stessa attività è stata riconfermata per l’anno 2007/2008.
- Attualmente ha indirizzato lo studente F. Finocchiaro del XXIII ciclo del dottorato ,della cui tesi è tutor (“Le campagne urbane: identità e governo nel paesaggio culturale del Mediterraneo.Esperienze a confronto : Sicilia e Castiglia La Mancia ),ad ottenere che il co-tutor fosse il prof. J.I. Montoya , ordinario di Composizione Architettonica e coordinatore del dottorato di ricerca “ Paesaggi culturali. Interventi nella città e nel territorio” della Esquela Tecnica Superior de Arquitectura de Madrid .
- dal 24/04/’07 allo 06/05/’07, il “Workshop internazionale di progettazione “ dal titolo “ La villa del Casale a Piazza Armerina. Conservazione del sito e servizi per i visitatori “ , in collaborazione con la Facoltà di Architettura L.Quaroni dell’Università di Roma La Sapienza e la Scool of Design end Architecture dell’Università di Camberra in Australia . Gli esiti del Workshop e le lezioni sono in corso di pubblicazione .
-Ha organizzato e diretto nell’ambito del dottorato di ricerca il Workshop intitolato: “Il progetto dell’Ambiente come strumento di valorizzazione delle aree di costa della Sicilia Sud-Orientale”, tenutosi a Siracusa dal 9 all’11 Dicembre 2004, nell’ambito del quale si è svolta la lezione del Prof. Afonso Rui Braz dell’università di Porto , anch’egli tutor del workshop .
- Nel 2003 la Dato ha introdotto e condotto l’incontro con Maurice Nio, dal titolo” Pornografy of the sign ”, per il quale il dottorato di ricerca si è avvalso del contributo del critico di architettura Luigi Prestinenza Puglisi. Anche per Nio, come per Tschumi (pur se in modo differente) il pensiero filosofico francese costituiscono la base teorica della loro poetica.
-Seminario: Hans Ibelings “Supermodernism. Architecture in the age of globalization”; Martiene De Vletter “ L’architettura olandese negli anni ‘70”. Con di Michele Costanzo della Facoltà di Architettura di Roma La Sapienza, presenta Zaira Dato . Siracusa 30 gennaio 2004.
-Ha patrocinato come Dottorato di ricerca ed ha partecipato alla mostra e seminario del 29/06/’05 svoltisi a Siracusa dal titolo: “Kengo Kuma e la relatività dei materiali”.E’ intervenuto Kengo Kuma,
-Incontro con Aquiles Gonzales della Esquela di Arquitectura di Barcellona in Spagna su “Salti di scala strumenti e pratiche di progetto urbano” Siracusa 18 novembre 2005.
-Incontro con Afonso Rui Braz su “Il ruolo del Progetto Urbano come strumento di valorizzazione” . Siracusa 29 settembre 2004
-Incontro con Antonio Pizza del Dipartimento di Progettazione Architettonica di Barcellona su “Architetture del Mediterraneo .Sert e la modernità spagnola”. Siracusa 14 gennaio 2005.
-Incontro con Aquiles Gonzales su “Salti di scala strumenti e pratiche di progetto urbano” Siracusa 18 novembre 2005.
-Incontro con Iñaki Uriarte su “La nuova Bilbao”. “Interni bilbaini” fotografie e proiezione di Peppe Maisto. Siracusa 25 maggio 2005
-Incontro con Manuel de Sola Morales de la Esquela di Arquitectura dell’uUniversità di Barcellona in Spagna su “Architettura delle Strade” Siracusa 3 aprile 2006.
-Incontro con Henk Hartzemia su “ Senso e sensibilità.” , Siracusa 26 maggio 2006.
-Incontro con Jean Pierre Pranlas Descours su “Archeologie di Futuro”, il Siracusa 13 luglio 2006.
-Incontro con Berardo Dujovne, ex Preside della Facoltà di Architettura di Buenos Aires, su “Architettura argentina di Dujovne-Hirisch”.
- Incontro con Jorge Cruz Pinto, della Facoltà di Architettura di Lisbona, su “forza-
geometria-forma”.
-La Dato Toscano è stata invitata al “4° Seminàrio internacional de projecto da Facultade de Arquitectura da Universiade Técnica de Lisboa”, intitolato: “O Prazer e a dor na Arquitectura – entre o céu e a Terra” tenutosi a Lisbona fra il 21 e il 28 Luglio del 2006 .
-Incontro con Jean Pierre Pranlas Descours su “Tre progetti per una città: Paris S, M, XL”. Siracusa 11 Dicembre 2006.

 

 

Coordinamento didattico e scientifico del Dottorato di ricerca

 

Rapporti internazionali